Cerca
  • Amos

La voglia di osservare al contrario

Non so quando questo articolo andrà in onda e non so se accenderò una sigaretta prima di scrivere un parola o una frase... questa sera va cosi, questa sera la luce di una lampada, la mia lampada, rimane accesa... ma fioca e senza un limite.

Oggi all'improvviso ho letto un messaggio di Giuliana che mi ricordava che l'altezza non si scorda, e se si ricorda con un sorriso, significa che tutto va bene... anche se trascorriamo i giorni senza dire una parola e senza vivere un momento con il colore di chi ha voglia di... credere.

Sono combattuto se rispondere che non è quello che cerco, oppure rispondere che sono curioso ma non riesco a vedere quanto è lontano quel faro, oppure se dirti che aspetto una tua frase di dissenso e di rinuncia. Esser combattuto non significa che non cerco questo tempo che mi manca, significa solo che per sentirmi vivo ho bisogno di morire, aspettare di scegliere la canzone da cantare al mio funerale, di resuscitare ricominciare a vivere ricominciare a a camminare, scricchiolare le dita e cantare sottovoce mentre porto Dante fuori, e vedere se i lavori a casa di Simona sono terminati.

Se incominci a capire che stai perdendo perchè non sai come appari agli occhi di chi non ti ha mai visto.... significa che stai per scomparire, e che stai iniziando ad essere quello che quando sei ricordato... un sorriso nasce spontaneo... e capisci che non hai nulla da rimproverarti, e che hai fatto quello che dovevi pretendere..

e ti rendi conto che Dio può inventare un colore nuovo che può decidere come declinare il il mio nome e può declinare quello che avresti potuto fare con Enrico.

Non chiedetemi di tradurre o dare un significato a quello che scrivo. Sarà troppo tardi per dare un senso a quello che digito, me ne sbatterò di quello che descriverete e di quello che commenterete leggendo il profumo di questi graffiti.

Comunque io sarò sempre con te.


"Sai qual è il dono di essere un colore che non si vede durante il giorno?

Quello che in un mese di 31 giorni, capisci che il pensiero di un oggetto vive per tutti e 31 giorni… e poi per magia o per illusione … in 2 minuti del trentaduesimo giorni immagini che quell’oggetto colora il tuo pensiero ed i tuoi desideri ed i tuoi sogni.

Ma sono solo due minuti… e nessuno ti dimostrerà che valgono due minuti ai 31 giorni. Ed allora….. che fai?.... ti dai ragione anche da solo e capisci che è solo un oggetto e che anche se si trasforma in un angelo… rimarrà sempre un oggetto. Per te…ma non per gli altri.

Ora la domanda è chi è piu’ importante… e chi è stato più importante nella vita."

Inchino.


Ho perso tempo......ho perso il tempo per le canzoni....diceva un poeta.

Ma alla fine, se ci pensi, ad una canzone risponde un'altra canzone. Un'infinita battaglia tra significati, e messaggi da comunicare! ma alla fine tutti eravamo ad un passo da perdere noi... dedicando una bella canzone.


Che bella emozione raccontare lo stupore dei vostri occhi... cazzo che bello, che responsabilità! che voglia di sorprendervi e di aver ragione sulla verità!! cazzo... che armonia aver ragione senza una conferma anzi una beffa! ... comunque sono le 22.17 ed i riscaldamenti non li ho ancora accessi e penso che non lo farò! mi stringerò a me stesso senza come al solito dire una parola .

ora è arrivato il momento di dire basta...... e di fermarmi...... ho scritto e cancellato già tre volte.....ma sono felice di raccontare questa sera...domani mattina.

0 visualizzazioni

© 2023 by ADAM SCHARF. Proudly created with Wix.com

  • Facebook Icona sociale
  • Instagram
  • Twitter Icon sociale
  • Youtube
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now