Cerca
  • Amos

@Home

Dopo anni sono tornato a Matera. Sono tornato a indossare le cuffiette per le strade di quella città. L'ultima volta che ci sono stato ho visitato da solo la mostra fotografica di Andy Warhol; osservavo gli sguardi delle persone mentre scendevano i gradini dei Sassi. Avrei oltrepassato le migliaia di porte di colore verde che rinchiudevano una storia da raccontare, avrei fotografato, solo nei miei occhi, il silenzio che rotolava in quella vallata. Ieri, invece, mi sono seduto e ho aspettato che le luci dei lampioni iniziassero a illuminare le ombre dei turisti. Non sentivo nulla tranne il ritornello di Crawling.

Io sono tempesta.

Mi volevo godere quel momento, volevo però che finisse subito. Volevo godermelo e viverlo, volevo salutarlo e promettergli il mio ritorno. Dovevo tornare perché dovevo bere una birra da @Home con Lei e ricordarmi che esistono ancora i sogni che si realizzano. Dovevo tornare perché dovevo aspettare una e-mail di Giuly per esultare di una vittoria a cui tengo tanto. Dovevo tornare per godermi l'attesa di una partita di basket di Roberto e dovevo tornare per dormire finalmente dicendole: “a domani”.

Io sono tempesta.

"E tu torna a essere Enrico. Non Amosolome, perché non sei capace di amare solo te. Hai una parte buona, immensa. Ricordati di quella e, tutte le volte che sentirai che la tua parte che non ce la fa più sta tornando per tirare fuori rabbia, fermati: ricordati le mie parole. Tu sei buono e non sei un giocattolo difettoso. E se non andrà, ci sarà un altro Time. Ma tu resta tu.

A presto, spero. Fammi essere orgogliosa di te”.

Tutto accade all'improvviso perché deve accadere. E' come un quadro appeso da anni. Rimane lì, fermo, immobile per decenni, ascoltando canzoni, urla e lacrime per decenni. Fermo, immobile, impassibile. E, all'improvviso, cade senza un motivo, senza un perché: “bam”!

Non l’ha deciso lui.

Potrei solo pensare che aveva anche lui il bisogno di andare a bere con Lei una birra da @Home...ma questo non lo saprò mai o forse, l'ho sempre saputo e sempre aspettato.

I lampioni di Matera illuminano le ombre dei turisti e io sono tornato finalmente per scendere da quel muro.

Io sono tempesta.

0 visualizzazioni

© 2023 by ADAM SCHARF. Proudly created with Wix.com

  • Facebook Icona sociale
  • Instagram
  • Twitter Icon sociale
  • Youtube
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now