These Are the Days Of Our Lives

Un inno alla vita.

Se per caso ti trovi a passare da queste parti, non mi telefonare … non mi cercare,… ma pronuncia il mio nome. Ed io sarò curioso e felice.

Un brindisi ai: Io già lo sapevo – io ho paura di farmi male – ti amerò per sempre – non ti dimenticherò mai…. cin cin

Non mi piacerà mai leggere un libro perchè…. non mi piacerà mai leggere la sua fine e ti chiederò, anche se non t’incontro per caso, di dirmi una parola che non hai detto mai!

Si sarò sempre l’instabile che guarda indietro la follia, che sia per un valore che sia per un sentimento che sia per una speranza. Trascorrerò ancora il mio tempo con una partita di clash royale o postando una storia su instagram, ma nessuno aspetterà che io mi fermi alla seconda stazione della metropolitana!

Avrei potuto continuare a parlare di teatrini mai immaginati o capriole sotto le lenzuola…ma basta! prima o poi gli aforismi non serve più cercarli e non bisogna essere custodi di un tempo antico che si può scrivere solo sulle mattonelle bianche di una toilette della salerno.reggio calabria.

Tutto può accadere e tutto può decidere se ascoltare. Tutto può arrivare all’improvviso e se non sei pronto ad essere un eroe allora fai finta di nulla e continua a disegnare spiderman sui tuoi occhi. Tutto può accadere senza che tu creda che esista, tutto può accadere senza che tu possa dimenticarlo. Solo Dio o in cui credi può far accadere ciò che ti aspettavi che arrivasse….e solo con loro, puoi giocartela se hai ragione o no.

Ti avevo chiesto di stringere tra le mani tutto quello che non trovavi negli altri…e ti avevo chiesto di assaggiare un gusto di gelato che io volevo. Sei…..sei un riflesso che non sei.

” – Perchè hai scelto di scrivere un articolo su un blog che hai scelto di non abitare? – Perchè cercavo un luogo diverso per me. Sono sempre stato diverso ed instabile dall’elitè di cui ho fatto parte, quella del ‘900 e la mia biografia un po’ lo dimostra. Avevo bisogno della mia patria e della mia follia e non di copiare una pagina da una stronza, avevo solo bisogno di sentirmi veramente a casa, e ….. sono arrivato qui.”

Alla fine dovrei accendere un falò di questa giornata di mare d’inverno, sognando una sera d’estate…. ma anche in mezzo al centro di questa serata, percorro un passo avanti dimenticando quello indietro e spero che il prossimo si ricordi di me come il passo che ho lasciato nell’aria che hai respirato.

Io non credo nei miracoli, ma conosco il vuoto che lascio io a te. Fa che quel vuoto che non sai, diventi il mondo che gira intorno a te.

Io…..continuerò e ….these are the days of our Lives..

Raccontami una storia...!